Io e i miei cani ...

Dicono che gli animali non hanno un'anima ... beh, io non ci credo. Se avere un'anima significa essere in grado di provare amore, allora gli animali sono migliori di tanti esseri umani.  (James Herriot)

Denis è volontaria al canile di Arceto da oltre 12 anni, rappresenta un po' il "collegamento" con il resto del mondo, si occupa delle adozioni a distanza, mantiene i contatti con chi ha adottato cani da noi, traduce il canile in immagini e, cosa fondamentale, porta queste immagini tra la gente e nelle scuole. Attualmente vive con tre cani tutti adottati al canile di Arceto e le abbiamo chiesto di raccontarci questa sua esperienza ...

Il racconto che ci ha fatto è davvero bello, non la solita storia del quotidiano, ma un vero e proprio viaggio emozionale nel rapporto con i suoi compagni di vita, la dimostrazione che adottare un cane non vuol dire solo prendersi cura di un animale!

 La storia dei miei cani

MYRA

Tutto ebbe inizio nel lontano 2001, quando decisi di fare volontariato al canile di Arceto. C'era una cagnolona che, ogni volta che passavo di li, mi scodinzolava a tutto andare dal fondo del box, era tutto pelo arruffato, aveva orecchie lunghe da prendere il volo e due occhioni rotondi che mi fissavano ... l'ho amata dal primo momento che l'ho vista! il suo nome era Myra ed io l'avevo soprannominata "Farfallina" perchè il suo animo era gentile, "leggero" e bellissimo come una colorata farfalla, avevo già una amatissima cagnolina, Sissi e non avevo modo di adottare anche Myra, così decisi di adottarla a distanza. Per tre anni ci siamo coccolate al sabato pomeriggio in canile finchè, quando Sissi partì per il Ponte Arcobaleno, ci siamo ritrovate a casa, in un bel giorno di luglio, emozionatissime e piene di felicità! Myra al momento dell'adozione definitiva aveva 7 anni; era la prima volta che adottavo un cane adulto, quasi senior ... ma lei era (e sarebbe sempre stata) "un'altra me" perciò non ebbi esitazioni. Siamo state insieme 7 anni ed è stata una meravigliosa avventura. Io ero lei e lei era me. Era buona, saggia, equilibrata, intelligente, socievole e molto bella. Mi ha insegnato molto, per esempio come fidarmi delle sue reazioni (e quindi del suo giudizio) quando avvicinavamo persone o animali. Io ero in cima alla sua scala di priorità, prima ancora del cibo! Mi ha accompagnato lungo un tratto abbastanza difficile della mia vita, riuscendo a donarmi sicurezza e autostima.

DON e PENDULA

Dopo alcuni anni che Myra era con me, adottai a distanza il suo compagno di box Frullino. Anche con lui nacque un rapporto esclusivo e quando purtroppo se ne andò al Ponte Arcobaleno, avrei voluto scegliere un altro cagnolino ma non sapevo come fare la mia scelta, finchè un giorno, gettando lo sguardo soprapensiero dentro ad un box, vidi un cane che mi fissava e "sentii" che mi chiamava ... che mi diceva che era lui il cane che cercavo. Si chiamava DON ed era timidissimo! Iniziammo la nostra amicizia, con lui e con PENDULA, la sua altrettanto timida compagna di box. Dopo quasi due anni di adozione a distanza, ci amavamo tantissimo e quando mi fu detto che Myra avrebbe avuto ancora pochi mesi di vita, decisi di adottarli definitivamente. Don aveva a quel tempo quasi 11 anni, tutti trascorsi in canile. Pendula invece ne aveva circa 9, di cui 6 passati al rifugio. La loro età non fu oggetto di alcuna riflessione da parte mia ... li amavo e questo bastava! Inoltre l'esperienza con Myra mi aveva insegnato che "se adotti un cucciolo sei più sicuro che si affeziona e lo puoi educare con migliori risultati"  è più che altro una leggenda metropolitana. Nè Myra, nè Don, nè Pendula hanno mai sporcato in casa (ovviamente in condizioni normali, spaventi o problemi di salute a parte) e mi hanno amato in modo totale.

Un cucciolo ti ama perchè conosce solo te, ma un adulto/senior ti ama consapevolmente, direi per scelta, perchè si rende conto del cambiamento in meglio della propria vita, lo attribuisce proprio a te e ti fa dono di una gratitudine infinita.

DIANA

In una giornata soleggiata e tiepida, tra gli odoridi casa sua, Myra partì per il Ponte Arcobaleno. Era il primo giorno di primavera ed io passai alcuni mesi di grande dolore, addolcito solo dalla presenza e dall'amore di Don e Pendula. In canile era già da un po' che una cagnolona bianca, morbida e dolce come panna montata, quando arrivavo, mi si avvicinava, mi leccava la mano e mi fissava ... così ho iniziato a coccolarla ogni volta che andavo in canile. Mi dissero che si chiamava DIANA, aveva 14 anni ed era sorda. Una creatura così buona che era impossibile non amarla. Quando proposi di portarla dal toelettatore, la responsabile del canile si offrì di portarla a casa mia la sera prima ... "così sei più comoda" - disse lei - ma quando Diana si presentò con un enorme fiocco dorato al collo (che ancora oggi fa bella mostra di sè appeso alla porta di casa) capii che la sua speranza era che non tornasse più in canile, così le dissi immediatamente "non se ne parla proprio!" ... ma Diana, appena entrata in casa, si accomodò tranquillamente dove di solito si sistemava Myra ... dentro la doccia !!!

E' stato un colpo basso ... Diana non ha più lasciato la mia casa !

BATH

Pendula, la timida fragile ma determinata "sposa" di Don, ha potuto godere ben poco la buona vita insieme a noi. Dopo soli 8 mesi dall'adozione, ci lasciò in pochi giorni.

E così imparai che l'intensità del dolore per un addio non è in proporzione al tempo trascorso insieme, ma è grande e profondo quanto l'amore provato !

Rimanemmo io Diana e Don, ma solo per pochi mesi, perchè ad Agosto 2012 mi si "acces la lampadina" guardando BATH che era rimasto solo nel box perchè la sua compagna era stata adottata qualche tempo prima ... e pensai "Maaaahhh Bath ... che è ancora giovane (6 anni, ma pochi rispetto all'età di Don e Diana) che è buono e bellissimo ... perchè dovrebbe trascorrere i suoi giorni senza di meee???" e così, due settimane dopo, il giovanotto faceva già parte della famiglia!

"SPIGOLATURE" 

Ora io vivo con una splendida tribù: Diana (quasi 16 anni), Don (14 anni) e Bath, il piccolo (7 anni).

In ognuno di loro c'è un "pezzo" di Myra, in Diana ritrovo l'equilibrio e la saggezza, in Don la gentilezza d'animo e l'assoluta priorità di essere con me, in Bath lo stesso abbandono fiducioso alle coccole. L'età di Don e di Diana fa sentire ogni tanto qualche problema - finora risolvibili - ma da quando hanno iniziato la loro nuova vita pare abbiano recuperato qualche anno di età. 

Quante volte mi sono sentita dire "Ma perchè non adotti finalmente un cucciolo?" Per rispondere a dovere ci vorrebbe un tempo a disposizione che la vita di oggi non ci concede e quindi mi limito ad osservare che anche gli adulti hanno diritto ad una buona vita, non solo i cuccioli ... ma in realtà io so che ho ricevuto una somma di amore da questi adulti/nonni che non avrei potuto chiederne di più. A volte ribattono "D'accordo, però se li prendi adulti/nonni, non farai in tempo a gioire con loro che dovrai piangere per loro..." Sì, questo è possibile (non avevo ancora asciugato le lacrime per Myra che ho ricominciato a piangere per Pendula) ma il dolore fa parte della vita ... e quindi non sarà certo la gioia che mi nego oggi ad assicurarmi l'assenza di dolore domani. Invece che meraviglia (e che lezione di vita) osservare la determinazione a vivere pienamente l'occasione di buona vita che è stata data loro!

Un cane adulto scelto consapevolmente è davvero una bellissima avventura.

Diana. Ha 16 anni, a volte sta in piedi solo perchè non tira l'aria, è sorda e qualche volta le "scappa" qualcosina, eppure non rinuncia ... a seguirmi per casa, a fare quello che fanno Don e Bath, anche se con tempi un attimino più lunghi, a scendere e salire le scale (e quando le zampe cedono e ruzzola, si rialza e ostinatamente riparte), ad annusare l'aria per minuti forse alla ricerca di un lontano ricordo di campi e odori di bosco, ad abbozzare una corsetta dietro ad una lucertola o non so quale altro animaletto. Che tenerezza!! Mi insegna ad invecchiare e sono felice di darle tutte queste opportunità.

Don. Io dico che è il mio "cane per sempre", è il mio guardiano, il mio compagno, è una creatura estremamente discreta e gentile che 11 anni di canile non sono riusciti a cambiare. Lui si preoccupava di Pendula, le stava sempre vicino, le puliva il muso con delicate leccatine e non usciva in giardino se non con lei, ora fa lo stesso con Diana e addirittura, a volte, ha gesti di gentilezza anche per Bath, pur essendo un maschietto come lui. E' molto paziente, per esempio quando Diana si sdraia vicino a lui, noncurante del fatto che appoggia il culone sul suo muso, oppure quando Bath lo scavalca con un salto per salire sul divano. I miei vicini mi raccontano che quando si avvicina l'orario del mio rientro a casa, lui si sdraia in giardino e aspetta ... anche se piove o fa freddo ... niente lo distrae da me! La sua gioia, quando finalmente mi vede, mi scalda il cuore e la sua bella coda, folta e alta come un pennacchio, mi parla di tutto il suo amore!

Bath.  E' puro fascino, perchè in lui sono presenti contemporaneamente bellezza fisica, intelligenza e bontà di carattere! Adora le coccole, le ricerca e ama l'essere umano. Chi entra in casa mia non può esimersi dal ricevere il benvenuto di Bath sottoforma di richiesta di coccole, ma non è mai insistente o invadente ... è davvero speciale!!! Non ho mai capito il motivo ma, pochi giorni dopo averlo adottato, è riuscito a scappare dal giardino. Fortunatamente è ritornato poco dopo accompagnato, senza guinzaglio, da un mio vicino di casa che lo aveva incrociato poco lontano e Bath, riconoscendolo, gli aveva appoggiato le zampe sul petto uggiolando, come a chiedere di essere riportato a casa! Da quel giorno esce in giardino solo per i suoi bisognini e poi rientra velocissimamente in casa. Però non ha perso il gusto di andare in giro, sia a piedi che in auto ... basta che sia con me!

Quando esco di casa, i miei tre "ragazzi" mi vengono a salutare e quando arrivo loro sono già lì, pronti a festeggiare perchè siamo di nuovo insieme. I miei meravigliosi "nonni", non mi hanno mai fatto sentire sola e grazie alla loro presenza e al loro amore, sono riuscita a "vivere" il grande dolore provato per la perdita di una persona a me molto cara.

Gestire tre cani di taglia medio/grande e di un'età non più giovane, che vivono sia dentro che fuori casa, comporta una certa "fatica", ma nella vita nulla è gratis ... e la mia "fatica di gestione" è un prezzo assai ragionevole per la gioia di condividere il viaggio della vita con loro!

Si dice sempre che è un peccato che la loro vita sia così corta rispetto a quella umana, però io penso questo: se la vita dei cani fosse lunga quanto quella degli esseri umani, io non avrei potuto vivere con tutti i miei cani contemporaneamente, avrei potuto gioire della compagnia di uno o due o magari tre di loro, ma avrei perso tutto il carico di amore degli altri ... quindi forse è giusto così, come decide la vita.

Denis 

08-ottobre-2013

Un nuovo cane non sostituirà mai un cane scomparso ... semplicemente espanderà il Cuore. Se hai amato molti cani, il tuo cuore sarà molto grande! 

 

 

 

 

Si ringraziano i seguenti comune per il contributo e l'aiuto che ci forniscono

Stemma Comune rubiera stemmaCasalgrande logo comune scandiano logo comune baiso logo viano 1  

Comune di

Rubiera

Comune di

Casalgrande

Comune di

Scandiano

Comune di

Baiso

Comune di

Viano

Comune di

Castellarano

 

Log In or Sign Up

Log in with Facebook

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?